Dopo le vacanze come dimagrire con la Dieta a Zona recuperando la taglia

Tosse da reflusso gastroesofageo: quando può essere curata con l’alimentazione
27 agosto 2018
Mindfulness e alimentazione come rimedio per ansia e depressione
26 settembre 2018
Mostra tuttol

Dopo le vacanze come dimagrire con la Dieta a Zona recuperando la taglia

Hai finito le tue sospirate vacanze.  Vorresti dimagrire recuperando la tua taglia. Stai magari pensando di fare una dieta con poche calorie riprendendo l’attività fisica. Per dimagrire conta più la qualità dei cibi introdotti che le calorie. Vediamo cos’è la Dieta a Zona con qualche ricetta di esempio.

Perché una dieta libera, senza calorie, è più accettabile

Il problema delle diete dimagranti, non certo della Dieta a Zona, è che alla lunga diventano stressanti perché costringono a rispettare le calorie e il peso in grammi dei cibi. Se non vengono rispettati con regolarità non si dimagrisce.

Perché la Dieta a Zona è più efficace rispetto la Dieta Mediterranea

L’alimentazione va personalizzata sui gusti, abitudini, del paziente. L’obbiettivo è imparare a mangiare in modo più ragionevole. Ti voglio far conoscere una dieta originale, la Dieta a Zona. Come impostazione è vicina all’originale, ma non attuale, Dieta Mediterranea. Vediamo perché. Se sei molto giovane chiedi ai tuoi nonni come si mangiava più di cinquanta anni fa. All’epoca, cioè attorno agli anni ’50, non era di moda mangiare un solo piatto di pasta o di pizza a pranzo.

 

È una questione di qualità e non di calorie

Era infatti abitudine introdurre poca pasta, un po’ di proteine, spesso pesce se si viveva al Sud, contorno di stagione con olio di oliva extravergine. Frutta e un po’ di vino c’erano quasi sempre. Quest’alimentazione era equilibrata perché si assumevano Carboidrati (pasta, verdure, frutta, vino), Proteine (pesce), Grassi (olio o frutta secca). I cereali e i legumi erano quasi sempre presenti. Si consumavano molte verdure, frutta secca e frutta fresca. Pasta e pane erano prevalentemente integrali (oggi sono invece raffinati). Questa salutare combinazione era in grado di controllare gli ormoni (adipochine , insulina) che in eccesso fanno ingrassare ed infiammare l’organismo. Ed era facile diventare vecchi senza assumere tanti farmaci, come oggi.

Il piacere di stare a tavola e lo stile di vita

Se ti abitui a saper combinare carboidrati, proteine e grassi (scopri cosa sono i blocchi) il mangiare diventerà un piacere. Se vuoi migliorare le tue performance fai una regolare attività fisica e bevi almeno 2 litri di acqua al giorno. Evita di bere superalcolici o bibite con zucchero. Stimola la tua fantasia con ricette originali.

Dimagrisci se perdi taglie e i muscoli rimangono tonici

Dimagrisci se diminuisce la tua Massa Grassa (FAT), brutta da vedere e nociva per la tua salute, mentre deve aumentare la Massa Magra (FFM), cioè i muscoli. In questo caso la tua taglia dovrà ridursi, dovranno diminuire le circonferenze della vita e dei fianchi. I tuoi muscoli dovranno continuare ad essere tonici così da mantenere un dimagrimento continuo.

Dimagrisci e sei stanco?

E se invece cali di peso e ti senti stanco, i muscoli sono flaccidi, la tua pancia e i tuoi fianchi sono sempre al loro posto? La tua dieta è certamente squilibrata, probabilmente nelle proteine. Questo fenomeno è legato alla disidratazione muscolare, alla ritenzione idrica delle cosce (cellulite). La perdita della massa magra comporta:

  • Stanchezza
  • Riduzione del metabolismo basale
  • Cellulite
  • Perdita della tonicità muscolare

Quando si abbassa il metabolismo si crede che riducendo le calorie si ricominci a dimagrire. Falso! Ci sarà un’aumentata perdita della massa magra con ulteriore rallentamento del dimagrimento.

Alcune ricette

Prima colazione (2 blocchi)

Omelette

  • 2 uova ( o 1 uovo+2 albumi)
  • Frutta
  • Gallette
  • un caffè o spremuta

Croissant

  • croissant
  • 3 fette prosciutto crudo
  • 1 sottiletta
  • un caffè dolcificato o tè

Toast

  • un toast con 30 g di pane
  • prosciutto crudo 3 fette (25 g)
  • una sottiletta light
  • un tè

Spuntini da 1 blocco

 

  • 2 gallette + 2 fette di bresaola
  • 1 bicchiere di latte macchiato
  • 1 yogurt 200 g magro
  • grana 20 g + 1 Pera 100 g

Pranzo (3 blocchi)

  • 120 g di pollo
  • 300 g di insalata condita
  • 20 g di pane integrale
  • 3 pesche

Cena (4 blocchi)

  • un piatto colmo di minestrone di verdure miste
  • 160 g di pesce
  • 200 g di pomodori in insalata
  • 20 g di pane integrale
  • mezzo bicchiere di vino rosso

Pasto completo con pasta (4 blocchi)

  • Pasta 50 g.
  • Pesce misto 150 g
  • Contorno 150 g
  • Frutta 100 g

Conclusione

Spero che questo articolo ti sia stato utile per comprendere perché certe diete, soprattutto se proposte da personale non medico, facciano recuperare in breve tempo il peso perso.

Dottor Giuseppe Bova
Dottor Giuseppe Bova
Reumatologo e Nutrizionista Clinico. Ho posto la medicina integrata alla base della mia formazione medica e del mio lavoro clinico, integrando le terapie convenzionali e la medicina naturale. Nel corso degli anni, lavorando ogni giorno con i miei pazienti, ho approfondito le conoscenze dell'immunologia reumatologica.