Cosa succede quando bevi la Coca-Cola

Cosa succede quando bevi la Coca-Cola

Coca Cola

Le bevande zuccherate come la Coca-Cola sono considerate dannose per la nostra salute. Ti sei mai chiesto esattamente perché è dannosa e che malattie può provocare? A questa domanda ha risposto il Dr J. Hills, medico nutrizionista americano, sulla rivista Healthy and Natural World. Secondo l’autore il consumo giornaliero è responsabile nel tempo di depressione, calo dell’attenzione per l’ipoglicemia dopo il picco, calcolosi renale, ipertensione arteriosa, decalcificazione ossea e dentale.

Quanto zucchero è presente nella Coca-Cola

Zucchero e diabeteSecondo il Centers for Disease Control and Prevention (CDC), circa la metà della popolazione statunitense, soprattutto adolescenti e giovani adulti,  beve bevande zuccherate. Ci sono circa 10 cucchiaini di zucchero aggiunto in una singola lattina di cola. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) raccomanda di non superare più di 6 cucchiaini da tè di zucchero.

Secondo la Harvard School of Public Health, le persone che bevono 1-2 lattine di bevande zuccherate al giorno hanno il 26% in più di probabilità di sviluppare il diabete mellito 2 ed avere problemi di peso.  Se scopri di essere sempre più desideroso ogni giorno di assumere cibi dolci, snack zuccherati , è probabile che tu sia diventato dipendente dallo zucchero.

È giunto il momento di eliminare la dipendenza. Come? Utilizzando alimenti salutari, come frutta e patate dolci, che sono naturalmente dolci senza contenere zucchero.

Attenzione all’etichetta

Alcune bottiglie di Coca-Cola affermano che la bevanda non contiene aromi artificiali e conservanti chimici. Questa sembra essere la nuova strategia della società per attirare i clienti salutisti. Invece è presente il famigerato acido fosforico, presente come aromatico artificiale e conservante. Vediamo quali sono i componenti dichiarati

  • Acqua
  • Anidride carbonica
  • Zucchero (solitamente sciroppo di glucosio, ma diversi dolcificanti possono essere utilizzati nelle versioni dietetiche o in altre)
  • Colorante E 150d caramello solfito ammoniacale
  • Acido fosforico
  • Aromi naturali (tra i quali è presente l’estratto di foglie di coca prodotto dalla Stepan Company )
  • Caffeina 100 mg/ (quantità variabile in versioni dietetiche o altre)

Cosa succede quando bevi una lattina di Coca-Cola

Entro 20 minuti aumenta la glicemia sino a raggiungere un picco elevato. Ne consegue un rapido rilascio dell’insulina che abbassa la glicemia. Il fegato trasforma l’eccesso di zucchero in grasso di deposito.

Entro 40 minuti tutta la caffeina viene assorbita e il tuo corpo reagisce con questi effetti: le pupille si dilatano, la pressione del sangue aumenta, il fegato produce più zucchero nel sangue.

Circa 45 minuti dopo aver bevuto, aumenta la produzione di dopamina, precursore della serotonina, che dà una rapida e breve sensazione di piacere.

Dopo 60 minuti circa ecco comparire le conseguenze legate all’abbassamento dello zucchero (ipoglicemia): affaticamento, cambiamenti dell’umore, torpore, riduzione dell’attenzione mentale.

Gli effetti negativi da abuso

salute cuore e pressione arteriosaLa Coca-Cola contiene fosforo, che è anche noto come E338, acido ortofosforico e acido fosforico. È usato per rimuovere la ruggine, mentre l’acido fosforico per uso alimentare è un agente molto acidificante. Rende la bevanda più acida rispetto al succo di limone. Recenti studi hanno correlato l’acido fosforico con l’osteoporosi, malattia renale, calcolosi renale.

Uno di questi studi è stato pubblicato su The American Journal of Clinical Nutrition nel 2006. La conclusione principale dello studio è stata che le donne che bevevano Coca-Cola quotidianamente avevano una decalcificazione ossea inferiore del 3,7% al collo del femore rispetto a quelle che non consumavano la bevanda. Vediamo alcuni effetti da abuso:

  • Cervello e depressione -Secondo Naik, l’intensa dolcezza della Coca-Cola non è percepita grazie alla presenza dell’acido fosforico che ne riduce il gusto. Dopo 20 minuti i livelli di zucchero nel sangue aumentano rapidamente provocando l’aumento della secrezione dell’insulina. Il fegato trasforma le alte quantità di zucchero in grasso di deposito favorendo l’insulinoresistenza con comparsa del diabete. La produzione di dopamina,  neurotrasmettitore che aiuta a controllare i centri del piacere,  aumenta dando una pseudoeuforia paragonabile agli effetti dell’eroina. Secondo l’American Academy of Neurology (AAN), le persone che consumano abitualmente la Coca-Cola, hanno il 30% in più di probabilità di sviluppare depressione rispetto a chi non l’assumeva per calo della glicemia dopo il picco glicemico.
  • Ipertensione arteriosa – Entro 40 minuti, il corpo ha assorbito tutta la caffeina dalla Cola, provocando una dilatazione delle pupille e un aumento della pressione sanguigna con sensazione di apparente benessere.
  • Rene – La National Kidney Foundation sconsiglia il consumo giornaliero di Coca-Cola. Infatti, rispetto alle donne che non bevevano bibite dietetiche, le donne che la bevevano avevano una riduzione del 30% della funzionalità renale.
  • Denti – L’assunzione eccessiva può causare rarefazione ossea mandibolare e carie.
  • Cuore – Secondo uno studio di Harvard, aumentano i rischi di malattia coronarica o infarto per l’infiammazione provocata dallo zucchero, dall’ipertrigliceridemia e dall’aumento dell’ormone leptina. L’infiammazione da cibo non interessa solo le coronarie ma tutte le arterie dell’organismo da quelle del cervello, dall’aorta ai vasi retinici.
  • Grasso – Il tessuto adiposo è responsabile della produzione di sostanze circolanti, dette citochine o adipochine, che intervengono nelle fasi iniziali dell’infiammazione. Le più importanti sono la Adiponectina, Leptina, la Resistina e la Visfatina. Tutte aumentano quando l’alimentazione, ricca in carboidrati raffinati, attiva l’insulinoresistenza.

C’è l’acido fosforico ma non lo vedi

La Coca-Cola è sotto accusa per la sua ingannevole etichettatura e diverse azioni legali collettive sono state presentate negli Stati Uniti. I funzionari della compagnia dicono che l’acido fosforico non si trova nell’elenco di aromi artificiali della Food and Drug Administration (FDA), quindi pur essendo presente, non sono obbligati a nominarlo. Ma questa affermazione è stata rapidamente screditata. Ad aggravare l’infiammazione  è l’associazione della bevanda con cibi contenenti composti fosfatici come carne e latticini.

Conclusione

La Coca-Cola non è solo ricca di sciroppo di fruttosio ma è anche ricca di sali raffinati e caffeina”, scrive Naik sul suo blog The Renegade Pharmacist . “Il consumo regolare di questi ingredienti nelle elevate quantità che si trovano in Coca-Cola e in altri alimenti e bevande lavorati, può portare ad un aumento della pressione sanguigna, malattie cardiache, diabete e obesità“.

“Tuttavia una piccola quantità di tanto in tanto non causerà alcun danno grave”, aggiunge. “La chiave è la moderazione.”  In un comunicato stampa, un portavoce di Coca-Cola afferma che la bevanda è “perfettamente sicura da bere e può essere gustata nell’ambito di una dieta e uno stile di vita equilibrati”.

Dottor Giuseppe Bova
Dottor Giuseppe Bova
Reumatologo e Nutrizionista Clinico. Ho posto la medicina integrata alla base della mia formazione medica e del mio lavoro clinico, integrando le terapie convenzionali e la medicina naturale. Nel corso degli anni, lavorando ogni giorno con i miei pazienti, ho approfondito le conoscenze dell'immunologia reumatologica.