Alcune delle risposte alle domande più frequenti

Come si svolge la prima visita?

Alla prima visita  consiglio di portare:

  • gli accertamenti più significativi e recenti dell’ultimo anno
  • terapia medica in corso

La prima visita medica dura circa 1 ora. È composta da:

  • storia clinica e compilazione della cartella informatizzata
  • visita internistica
  • test eseguito in studio se c’è il sospetto di una  patologia infiammatoria da ipersensibilità alimentare (ex intolleranze alimentari)
  • valutazione degli accertamenti in possesso
  • richiesta di accertamenti ematici o strumentali
  • prescrizione terapia medica e piano alimentare ove necessario

Che differenza c’è tra dietologo dietista e biologo nutrizionista?

Il Dietologo ha una laurea in Medicina e Chirurgia. Si tratta quindi di un medico, dotato di responsabilità cliniche che permettono di fare diagnosi di patologie e prescrivere accertamenti, farmaci e diete. Può lavorare in autonomia e gestire pazienti con patologie complesse.

Il Dietista non è un medico. Non può prescrivere diete in pazienti con patologie, non può richiedere accertamenti e non può consigliare terapie mediche. Può lavorare in uno studio medico, in ospedale, ma alle dipendenze del medico responsabile. Può esercitare liberamente se addetto alla ristorazione collettiva.

Il Biologo nutrizionista non è un medico. Ha una laurea in biologia focalizzata sulla nutrizione dal punto di vista biochimico. Può prescrivere diete ma non farmaci. Per esercitare deve essere iscritto all’Ordine dei Biologi.

Che tipi di diete vengono elaborate e proposte?

La dieta proposta è la dieta a Zona. Con questa alimentazione si associano carboidrati, proteine e grassi, controllando gli ormoni del peso e dell’infiammazione. È una dieta personalizzata sulle abitudini e il lavoro dell’individuo. È prevista l’educazione ad un corretto stile di vita.

Qual è il miglior modo per comunicare durante il periodo di cura?

Dopo la prima visita segue un primo controllo medico dopo un mese. Gli altri verranno personalizzati a cadenze programmate. Per comunicare si può inviare una mail al seguente indirizzo: info@giuseppebova.com. In caso di urgenze rivolgersi al centralino dello studio di riferimento.

Posso effettuare la prima visita senza portare le analisi?

È consigliabile portare gli esami degli ultimi 3 mesi almeno. Se invece non si è in possesso di esami è meglio farmi la richiesta via mail

Che terapie prescrive?

In base allo stadio della patologia in atto prescrivo farmaci sia della medicina convenzionale sia alternativa (omeopatia, integratori, fitoterapici). Il Target dei pazienti detta la gestione della terapia. Nel campo delle malattie reumatiche non sempre si può ricorrere alla medicina naturale. Si è dimostrata, secondo la mia esperienza, utile nel supporto dell’intestino e del sistema immunitario.

Se la malattia reumatica in atto è grave o ci sono disabilità, si devono inserire immunosoppressori, biologici, magari iniziando a basse dosi terapeutiche. Stile di vita e alimentazione sono un’arma terapeutica sempre da associare.

Che tipo di conoscenze della nutrizione e della dietetica vengono fornite a chi è in cura?

Il paziente riceverà informazioni nutrizionistiche secondo la medicina ufficiale. Saprà:

  • la differenza tra proteine vegetali e proteine
  • quali proteine animali introdurre e quali limitare
  • perché i carboidrati raffinati sono cibi infiammatori
  • perché scegliere carboidrati a basso indice glicemico
  • il ruolo degli omega3, della vitamina D e la dose efficace giornaliera
  • come equilibrare i pasti, evitare i picchi dell’insulina, spegnere le reazioni infiammatorie
  • perché l’intestino è uno degli organi più importanti e come mantenerlo sano

E già dopo pochi giorni si starà bene dal punto di vista psicofisico con aumento dell’energia.

La visita ortopedica è uguale alla visita reumatologica?

Sono simili. Entrambi si occupano del dolore e delle patologie articolari. Entrambi visitano, controllano le radiografie, gli esami del sangue. L’ortopedico ha una visione prevalentemente chirurgica. Il reumatologo è un medico specialista internista che valuta tutto l’organismo e non solo l’apparato muscolo-scheletrico. Delle malattie dovrà riconoscere le cause, gestire le terapie mediche, gli eventuali effetti tossici delle terapie, secondo controlli programmati.

Quanto dura la visita reumatologica?

La prima visita non è mai inferiore a 1 ora. I controlli invece durano circa 45 minuti.

Come si svolge la visita omeopatica?

Con la visita omeopatica si deve avere una visione olistica del paziente. Vengono analizzate e valutate le componenti mentali, emozionali e fisiche. Questo approccio permette di rilevare i fattori emozionali, stress, ansie, paure, componenti dell’uomo che spesso la medicina convenzionale trascura. Il resto è compatibile con la medicina ufficiale: mi riferisco alla visita medica, al controllo delle attività vitali, alla valutazione degli esami.

La prescrizione omeopatica

I rimedi utilizzati nell’omeopatia non sono prodotti chimici quindi nulla a che vedere con antibiotici, cortisonici, chemioterapia. Sono detti rimedi, opportunamente diluiti. Derivano dal mondo vegetale, minerale, animale. Sono presenti in commercio sotto forma di granuli, tubo dose, fiale, gocce, sciroppi.

Vorrei essere curata con la medicina naturale

E’ la domanda che spesso mi viene rivolta via mail: vorrei essere curata con l’omeopatia o altra medicina naturale. Dal curriculum si deduce che la mia formazione è tradizionale (convenzionale) ma integrata, ove sia possibile, con l’altra medicina. Non è possibile sapere prima della visita che terapia verrà prescritta, questo per ovvii motivi. Quindi la domanda non andrebbe posta.

Le mail per informazioni

Se si vuole inviare una mail informativa deve essere riassuntiva del caso clinico. Evitate lunghe cronistorie, spesso in formato A4.

Non chiedere se la patologia di cui si è affetti può essere curata e con che risultati. Non sono in grado di esprimere un parere medico sul caso mancando l’oggettività della visita medica.

Gli studi dove ricevo: per conoscere dove ricevo troverete l’elenco nel sezione contatti.

Altre informazioni possono essere ricavate leggendo il mio blog e il mio curriculum.

E per concludere: la mail non è sostitutiva della visita medica anche per una questione deontologica.