Artrosi e artrite, l’importanza di saperli differenziare

Come riconoscere l’artrite dall’artrosi

Ti sarà capitato un fastidioso dolore articolare che non passa o tende a ritornare spesso. La prima domanda da farsi è individuare se è un dolore tipico di una artrite o magari un dolore legato all’artrosi.
Vedremo quindi come individuare un dolore e come interpretarlo per prendere gli opportuni provvedimenti

Cos’è il dolore

Il dolore è un sintomo di difesa e allarme del nostro organismo. Esso va riconosciuto, interpretato e trattato. Troverete i dolori più tipici delle patologie reumatiche e quali esami sono utili.
Il dolore è una sensazione spiacevole causata da lesioni articolari, con ansia, preoccupazione dello stato di salute. E’ influenzato dalla tollerabilità individuale, legata ad esperienze individuali e culturali.

Sintomi di accompagnamento del dolore:

  • Dolorabilità alla pressione
  • Limitazione dolorosa dei movimenti
  • Riduzione della forza muscolare con stanchezza generalizzata
  • Riduzione dell’attività fisica abituale
  • Pelle arrossata, calda, tumefatta, in zone localizzate articolari.

Segni tardivi di malattia

  • Scrosci articolari
  • Deformazione articolare

Artrite, malattia autoimmunitaria o artrosi?

L’artrite è un’infiammazione delle articolazioni e dei tendini, spesso accompagnata a lesioni a carico di occhio, polmone, nervi, cardiovascolare. L’artrosi è una malattia degenerativa articolare spesso dovuta all’età senza compromissi

Interpretazione dei dolori

Il dolore è poliarticolare, localizzato a mani, polsi o piedi* Nel caso di artrite alle piccole articolazione trattasi di artrite reumatoide. E’artrosi se interessata la base del 1° dito (rizoartrosi).

  • Il dolore al risveglio e aggravato dal riposo notturno. Un dolore al risveglio che migliora dopo molte ore, che compare di notte verso le 2-3, è tipico dell’artrite. Come nell’artrite della colonna vertebrale (spondiloartriti) o del sacro (sacroileite). Nell’artrosi il riposo e il movimento danno beneficio.
  • Dolori accompagnati da dolori addominali. Spesso esistono, soprattutto nei giovani, malattie infiammatorie del colon (Chron) associate ad artriti.
  • Bocca e congiuntive asciutte, febbricola, dolori articolari senza gonfiore. È una connettivite, malattia infiammatoria autoimmunitaria che colpisce le articolazioni e gli organi interni.
  • Mani fredde, pallide o bluastre col freddo, pelle con perdita dell’elasticità. E’ la sclerodermia, malattia infiammatoria vascolare con danni secondari a pelle, cuore, esofago.
  • Psoriasi o con sola familiarità, con presenza di artrite (mano, regione lombo-sacrale). E’ una malattia con chiazze estese a gomiti, ginocchia, cuoio capelluto. Coinvolge anche le articolazioni, il sistema cardiovascolare. Spesso obesità e diabete. Il 30% dei soggetti con psoriasi va incontro all’artrite psoriasica.

Quali esami del sangue fare

Va fatta una precisazione. Nelle malattie reumatiche iniziali gli esami ematici possono essere normali e l’esame clinico diventa fondamentale per la diagnosi. Bisogna affidarsi all’esperienza dello specialista reumatologo. Ecco quelli di base:

Radiologia

  • Ves
  • PCR
  • Fatt. Reumatoide
  • ANA
  • emocromo
  • antiCCP

Infiammazione e intolleranza da cibi

Dal 1994 è noto il rapporto tra infiammazione silente da cibo (o “intolleranze alimentari”) e associazione con artrite e/o malattie autoimmunitarie. Va eseguito il test che individua il rapporto tra cibo e ipersensibilità. Il trattamento dietetico, oltre a risolvere l’ipersensibilità da cibo, darà sollievo al paziente.

Articolo aggiornato il 24 Gennaio 2019

Reumatologo e Nutrizionista Clinico. Ho posto la medicina integrata alla base della mia formazione medica e del mio lavoro clinico, integrando le terapie convenzionali e la medicina naturale. Nel corso degli anni, lavorando ogni giorno con i miei pazienti, ho approfondito le conoscenze dell'immunologia reumatologica.

Vuoi saperne di più o fissare una prima visita?