Tosse da reflusso gastroesofageo: quando può essere curata con l’alimentazione

Ultimo aggiornamento

Lorella è una donna di 50 anni, impiegata, sposata e senza figli. Mi consultò la prima volta nel marzo 2018 per tosse secca, ribelle ad ogni cura, comparsa 5 anni prima. Negli ultimi mesi i sintomi si erano aggravati sino a peggiorarle la qualità della vita. Fu visitata da diversi specialisti e ricoverata recentemente. La diagnosi fu di “bronchite in soggetto con reflusso gastroesofageo ed ipertensione arteriosa”. Le furono consigliati cicli di antibiotici, cortisonici, sedativi della tosse, terapia antipertensiva e gastroprotettori antireflusso (PPI). Ma la situazione clinica non migliorò mai.

Cos’è il reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo (MRGE) è una malattia infiammatoria che può presentarsi con due tipi di sintomi:

  • gastroesofagei: bruciore retrosternale, rigurgito spesso acido, dolore toracico, difficoltà a deglutire
  • extraesofagei: sono sintomi non esofagei. Tra i più frequenti c’è la tosse stizzosa, spesso aggravata dalla flessione. Alla tosse è spesso associata asma e infiammazione delle corde vocal (laringite)

Qual è stato il mio approccio medico

Durante la visita confermai la diagnosi di MRGE. Lorella però presentava sintomi per lei molto disturbanti: era stanca così da assentarsi spesso dal lavoro. L’umore non era più quello di una volta. Non desiderava più uscire, non amava la compagnia.

La digestione era difficile per un gonfiore post-prandiale con saltuaria diarrea, sonnolenza.

Era inoltre aumentata di peso (kg 76 altezza 155, vita/fianchi 90/103).

La pressione del sangue, pur assumendo le pastiglie, era sempre alta (160/110). L’alimentazione era povera di proteine e ricca di carboidrati raffinati come fette biscottate, pane, pasta, pizza.

Bisognava correggere l’alimentazione e migliorare lo stile di vita.

Ho eseguito in studio il test Recaller per escludere infiammazione da cibo. Il risultato fu di una  positività verso Frumento, Olii cotti con iper-reattività verso il Nichel.

Ed ecco il mio approccio medico:

  • Impostazione di una alimentazione antinfiammatoria a Zona, con riduzione dei carboidrati raffinati e corretta combinazione con le proteine
  • Dieta di Rotazione: per alcuni mesi furono ridotti i cibi a cui era risultata positiva reintroducendoli gradualmente appena cominciava a star meglio (recupero della tolleranza verso i cibi)
  • Furono dati consigli sull’attività fisica e sulla terapia di supporto (terapia cognitivo-comportamentale).
  • Associati alcuni integratori personalizzati ai suoi problemi (Omega3, Magnesio, Triptofano, ciclo di probiotici)

Risultati ottenuti alla visita di controllo

Ho rivisto Lorella ad agosto. Era un’altra persona. Mi confortarono le sue parole: grazie dottore, sto veramente bene.

Aveva recuperato il benessere psico fisico riuscendo a fare anche una regolare attività giornaliera.

I disturbi per cui mi aveva consultato (tosse, sonnolenza, stanchezza, meteorismo, diarrea) erano scomparsi.

Aveva perso 5,5 kg con riduzione di 4 cm. di vita e fianchi. La pressione era normale (130/70) mantenendo l’assunzione di ½ cpr. al dì, rispetto le 2 cpr giornaliere di prima.

Si è abituata a fare la colazione salata rispetto quella dolce a base di fette biscottate e marmellata. Combina sempre i pasti associando ai carboidrati sempre le proteine.

Perché è stata bene?

Lorella ha capito giorno dopo giorno che migliorava sempre di più. Aveva sperimentato come un’alimentazione ricca di carboidrati raffinati comportava, dopo 2-3 ore, calo degli zuccheri, con riduzione della concentrazione mentale e fisica.

Ha recuperato la tolleranza verso i cibi (frumento, nichel) e adesso l’alimentazione è più libera. Ogni tanto può concedersi la pasta senza avere problemi.

L’intestino va bene perché ha recuparato la tolleranza verso i cibi e anche perché il ciclo di probiotici ha riportato il suo intestino in eubiosi.

E la tosse scomparsa? Fu sottovalutato il rapporto tra tosse e infiammazione silente da cibo.

Contattami per saperne di più

Bibliografia

  • Reasons You Cough After Eating- Medically reviewed by Elaine K. Luo, MD on September 29, 2017 — Written by Corinne O’Keefe Osborn
  • Harvard Men’s Health Watch – That nagging cough – Persistent cough, common causes and cures https://www.health.harvard.edu/staying-healthy/that-nagging-cough
  • What’s Causing Your Chronic Cough? 9 Diseases To Check For – https://www.huffingtonpost.com/entry/whats-causing-your-chronic-cough-9-diseases-to-check-for_us_585171b7e4b092f0868686b3
Dottor Giuseppe Bova

Reumatologo e Nutrizionista Clinico. Ho posto la medicina integrata alla base della mia formazione medica e del mio lavoro clinico, integrando le terapie convenzionali e la medicina naturale. Nel corso degli anni, lavorando ogni giorno con i miei pazienti, ho approfondito le conoscenze dell'immunologia reumatologica.

Vuoi saperne di più o fissare una prima visita?

Lascia un commento